Alternative currency and balanced living system. Alternativna valuta i uravnoteženi životni sistem. Moneta alternativa e sistema di vita equilibrato.

Linija

Search

Home Alternative News News Uomo Libero E Sovrano: Notifica Della Bancarotta Della Repubblica Di Croazia

Crom Alternative News

Investigative journalism and useful articles on various topics.
administrator
User Rating: / 1204
PoorBest 

Mittente:

Aljoša da famiglia Đurić
Email: aljosa[at]cromalternativemoney.org
Martedi, 15 aprile 2014

 

Destinatari:

Membri del Governo della Repubblica Italiana
Palazzo Chigi
Piazza Colonna 370
00187 Roma - Italia


Attualmente:
Matteo Renzi, Graziano Delrio, Luca Lotti, Sandro Gozi, Domenico Minniti, Maria Elena Boschi, Maria Teresa Amici, Luciano Pizzetti, Ivan Scalfarotto, Maria Anna Madia, Angelo Rughetti, Maria Carmela Lanzetta, Gianclaudio Bressa, Federica Mogherini, Lapo Pistelli, Mario Giro, Benedetto Della Vedova, Angelino Alfano, Filippo Bubbico, Gianpiero Bocci, Domenico Manzione, Andrea Orlando, Enrico Costa, Cosimo Maria Ferri, Roberta Pinotti, Gioacchino Alfano, Domenico Rossi, Pietro Carlo Padoan, Luigi Casero, Enrico Morando, Pier Paolo Baretta, Giovanni Legnini, Enrico Zanetti, Federica Guidi, Carlo Calenda, Claudio De Vincenti, Simona Vicari, Antonello Giacomelli, Maurizio Lupi, Riccardo Nencini, Umberto Del Basso de Caro, Antonio Gentile, Maurizio Martina, Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero, Gianluca Galletti, Silvia Velo, Barbara Degani, Giuliano Poletti, Franca Biondelli, Teresa Bellanova, Luigi Bobba, Massimo Cassano, Stefania Giannini, Roberto Reggi, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi, Dario Franceschini, Francesca Barracciu, Ilaria Borletti Buitoni, Beatrice Lorenzin, Vito De Filippo

Membri del Governo della Repubblica di Slovenia
Gregorčičeva 20-25
1000 Ljubljana
Slovenia


Attualmente:
Alenka Bratušek, Dejan Židan, Gregor Virant, Karl Erjavec, Anja Kopač Mrak, Uroš Čufer, Metod Dragonja, Jernej Pikalo, Uroš Grilc, Roman Jakič, Senko Pličanič, Samo Omerzel, Alenka Trop Skaza, Gorazd Žmavc

Membri della Commissione Europea
Rue de la Loi / Wetstraat 170
B-1049 Bruxelles/Brussel
Belgique/België


Attualmente:
Barroso José Manuel, Ashton Catherine, Reding Viviane, Almunia Joaquín, Kallas Siim, Kroes, Neelie, Tajani Antonio, Šefčovič Maroš, Rehn Olli, Potočnik Janez, Piebalgs Andris, Barnier Michel, Vassiliou Androulla, Šemeta Algirdas, De Gucht Karel, Geoghegan-Quinn Máire, Lewandowski Janusz, Damanaki Maria, Georgieva Kristalina, Oettinger Günther, Hahn Johannes, Hedegaard Connie, Füle Štefan, Andor László, Malmström, Cecilia, Cioloş Dacian, Borg Tonio, Mimica Neven

Membri della Corte di Giustizia dell'Unione Europea
Palais de la Cour de Justice
Boulevard Konrad Adenauer
Kirchberg
L-2925 Luxembourg
Luxembourg


Attualmente:
Vassilios Skouris, Koen Lenaerts, Antonio Tizzano, Allan Rosas, Rosario Silva de Lapuerta, Juliane Kokott, Endre Juhász, George Arestis, Anthony Borg Barthet, Marko Ilešič, Jiří Malenovský, Egils Levits, Aindrias Ó Caoimh, Lars Bay Larsen, Eleanor Sharpston, Paolo Mengozzi, Yves Bot, Jean-Claude Bonichot, Thomas von Danwitz, Alexander Arabadjiev, Camelia Toader, Marek Safjan, Daniel Šváby, Maria Berger, Niilo Jääskinen, Pedro Cruz Villalón, Alexandra (Sacha) Prechal, Egidijus Jarašiūnas, Carl Gustav Fernlund, José Luís da Cruz Vilaça, Melchior Wathelet, Christopher Vajda, Nils Wahl, Sinisa Rodin, François Biltgen, Küllike Jürimäe, Maciej Szpunar, Alfredo Calot Escobar

Membri del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea
Eurotower
Kaiserstraße 29
DE-60311 Frankfurt am Main
Deutschland


Attualmente:
Mario Draghi, Vítor Constâncio, Benoît Cœuré, Sabine Lautenschläger, Yves Mersch, Peter Praet, Luc Coene, Jens Weidmann, Patrick Honohan, George A. Provopoulos, Luis María Linde, Ardo Hansson, Christian Noyer, Ignazio Visco, Panicos Demetriades, Ilmārs Rimšēvičs, Gaston Reinesch, Josef Bonnici, Klaas Knot, Ewald Nowotny, Carlos Costa, Boštjan Jazbec, Jozef Makúch, Erkki Liikanen

Membri del Consiglio di Amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali
Centralbahnplatz 2
4051 Basel
Switzerland


Attualmente:
Mark Carney, Agustín Carstens, Luc Coene, Jon Cunliffe, Andreas Dombret, Mario Draghi, William C Dudley, Stefan Ingves, Thomas Jordan, Klaas Knot, Haruhiko Kuroda, Ann Le Lorier, Stephen S Poloz, Guy Quaden, Raghuram Rajan, Alexandre A Tombini, Ignazio Visco, Jens Weidmann, Janet L Yellen Zhou Xiaochuan

Membri della Corte Internazionale di Giustizia
Peace Palace
Carnegieplein 2
2517 KJ The Hague
The Netherlands


Attualmente:
Peter Tomka, Bernardo Sepúlveda-Amor, Hisashi Owada, Ronny Abraham, Kenneth Keith, Mohamed Bennouna, Leonid Skotnikov, Antônio Augusto Cançado Trindade, Abdulqawi Ahmed Yusuf, Christopher Greenwood, Xue Hanqin, Joan E. Donoghue, Giorgio Gaja, Julia Sebutinde, Dalveer Bhandari, Philippe Couvreur

Membri del Consiglio dei Governatori del Fondo Monetario Internazionale
700 19th Street, N.W.
Washington, D.C. 20431
United States of America


Attualmente:
Noorullah Delawari, Khan Afzal Hadawal, Ardian Fullani, Nezir Haldeda, Mohammed Laksaci, Ammar Hiouani, Armando Manuel, José de Lima Massano, Harold E. Lovell, Whitfield Harris, Jr., Axel Kicillof, Juan Carlos Fabrega, David Sargsyan, Arthur Javadyan, Joe Hockey, Martin Parkinson, Ewald Nowotny, Andreas Ittner, Samir Sharifov, Elman Siradjogly Rustamov, Perry G. Christie, Wendy Craigg, Ahmed Bin Mohammed Al-Khalifa, Rasheed Mohamed Al-Maraj, Abul Maal A. Muhith, Atiur Rahman, Christopher P. Sinckler, Delisle Worrell, Nadezhda Ermakova, Andrei M. Kharkovets, Luc Coene, Marc Monbaliu, Dean O. Barrow, Glenford Ysaguirre, Jonas A. Gbian, Evariste S. Bonou, Daw Tenzin, Luis Alberto Arce Catacora, Elba Viviana Caro Hinojosa, Nikola Špirić, Nermin Niksic, Linah K. Mohohlo, Taufila Nyamadzabo, Alexandre Antonio Tombini, Haji Hassanal Bolkiah, Abd Rahman Ibrahim, Ivan Iskrov, Lyudmila Elkova, Lucien Marie Noël Bembamba, Moumounou Gnankambary, Jean Ciza, Melchior Wagara, Cristina Duarte, Carlos Augusto Duarte de Burgo, Chea Chanto, Chanthana Neav, Alamine Ousmane Mey, Mani Jean-Marie Benoit, James Michael Flaherty, Stephen S. Poloz, Rémy Yakoro, Ali Chaibou, Bedoumra Kordje, Mahamat Allamine Bourma Treye, Rodrigo Vergara, Manuel Marfán Lewis, Xiaochuan Zhou, Gang Yi, José Dario Uribe Escobar, Mauricio Cardenas Santa Maria, Ali Soilihi Mohamed, Mze Abdou Mohamed Chanfiou, Deogratias Mwana Nyembo Mutombo, Patrice Kitebi Kibol Mvul, Gilbert Ondongo, Cedric Ebauh Ondaye, Rodrigo Bolaños Zamora, Edgar Ayales, Daniel Kablan Duncan, Nialé Kaba, Boris Vujčić, Relja Martic, Harris Georgiades, Andreas Trokkos, Miroslav Singer, Vladimir Tomšik, Lars Rohde, Sophus Garfiel, Ahmed Osman Ali, Bodeh Ahmed Robleh, Roosevelt Skerrit, Rosamund Edwards, Héctor Valdez Albizu, Clarissa de la Rocha de Torres, Fausto Eduardo Herrera Nicolalde, Patricio Rivera Yánez, Almorsy Hegazy, Carlos Enrique Caceres, Alexander Ernesto Segovia, Marcelino Owono Edu, Ivan Bacale Ebe Molina, Tekie Beyene, Martha Woldegiorghis, Veiko Tali, Atnafu Teklewold, Yohannes Ayalew, Josaia Voreqe Bainimarama, Barry Whiteside, Erkki Liikanen, Pentti Hakkarainen, Pierre Moscovici, Christian Noyer, Christophe Akagha-Mba, Denis Meporewa, Kebba Satou Touray, Amadou Colley, Giorgi Kadagidze, Nodar Khaduri, Jens Weidmann, Wolfgang Schäuble, Henry A.K. Wampah, Cassiel Ato Forson, Yannis Stournaras, George A. Provopoulos, Keith C. Mitchell, K. Dwight Venner, Edgar Baltazar Barquín Durán, María Concepción Castro Mazariegos, Mohamed Diare, Louncény Nabe, Gino Mendes, Joao Alage Mamadu Fadia, Ashni Kumar Singh, Lawrence T. Williams, Charles Castel, Wilson Laleau, Marlon Ramsses Tábora Muñoz, Wilfredo Cerrato, Gyorgy Matolcsy, Mihaly Varga,mMár Guðmundsson, Gudmundur Arnason, P. Chidambaram, Raghuram G. Rajan, Agus D.W. Martowardojo, Mahendra Siregar, Gholamali Kamyab, Abdul Basit Turki Saeed, Atif Abdul-Khaleq Abdul-Hussen ALYASEEN, Michael Noonan, Patrick Honohan, Nadine Baudot-Trajtenberg, Ignazio Visco, Peter Phillips, Brian Wynter, Haruhiko Kuroda, Umayya Toukan, Ziad Fariz, Grigori Aleksandrovich Marchenko, Ruslan Dalenov, Henry Kiplagat Rotich, Njuguna Ndung'u, Atanteora Beiatau, Timi Kaiekieki, Oh-Seok Hyun, Choongsoo Kim, Bedri Hamza, Besim Beqaj, Anas K. Al-Saleh, Mohamed Yousef J. Y. Alhashel, Zina Mukaevna Asankojoeva, Olga Lavrova, Somphao Phaysith, Ilmārs Rimšēvičs, Sanita Bajāre, Riad Toufic Salamé, Raëd Charafeddine, Leketekete Victor Ketso, Adelaide Retselisitsoe Matlanyane, Amara M. Konneh, J. Mills Jones, Saddek Omar Elkaber, Ali Ramadan Shnebesh, Vitas Vasiliauskas, Rimantas Sadzius, Pierre Gramegna, Gaston Reinesch, Dimitar Bogov, Anita Angelovska Bezhoska, Lantoniaina Rasoloelison, Vonimanitra Razafimbelo, Maxwell Mkwezalamba, Charles Chuka, Mohd. Najib Abdul Razak, Fazeel Najeeb, Aishath Zahira, Bouare Fily Sissoko, Madani TOURE, Joseph Bonnici, Alfred DeMarco, Dennis Momotaro, Alfred Alfred, Jr., Sid'Ahmed Ould Raiss, Charles Gaetan Xavier Luc Duval, Rundheersing Bheenick, Luis Videgaray Caso, Agustín Carstens, Kensley K. Ikosia, Lorin Robert, Dorin Drăguţanu, Marin Moloşag, Naidansuren ZOLJARGA, Milojica Dakic, Abdellatif Jouahri, Manuel Chang, Ernesto Gouveia Gove, Kyaw Kyaw Maung, Maung Maung Thein, Saara Kuugongelwa-Amadhila, Ipumbu Shiimi, Yuba Raj Khatiwada, Madhu Kumar Marasini, Klaas Knot, Hans Vijlbrief, Bill English, Graeme Wheeler,,Leonardo Ovidio Reyes Ramirez, Iván Acosta Montalván, Gilles Baillet, Kanta Mahaman Sani, Ngozi Okonjo-Iweala, Sanusi Lamido Sanusi, Øystein Olsen, Svein Gjedrem, Ali Mohamed Al Moosa, Hamood Sangour Al-Zadjali, Ashraf Mahmood Wathra, Waqar Masood Khan, Elbuchel Sadang, Ruth Wong, Frank de Lima, Dario Berbey, Don Polye, Loi M. Bakani, Carlos Fernandez Valdovinos, Santiago Pena Palacios, Julio Velarde, Luis Miguel Castilla Rubio, Amando M. Tetangco, Jr., Cesar V. Purisima, Mateusz Szczurek, Jacek Dominik, Carlos da Silva Costa, José Ramalho, Ali Sharieff Al Emadi, Abdullah Bin Saoud Al-Thani, Mugur Isarescu, Claudiu Doltu, Anton Siluanov, Elvira S. Nabiullina, Claver Gatete, John Rwangombwa, Liuga FAUMUINA, Lavea Iulai Lavea, Claudio Felici, Savina Zafferani, Maria do Carmo Silveira, Eugénio Lourenço Soares, Ibrahim A. Al-Assaf, Fahad Almubarak, Amadou Ba, Mouhamadou Makhtar Cisse, Jorgovanka Tabakovic, Ana Gligorijević, Pierre Laporte, Caroline Abel, Kaifala Marah, Sheku S. Sesay, LIM Hng Kiang, Ravi Menon, Jozef Makúch, Vazil Hudák, Boštjan Jazbec, Darko Bohnec, Denton Rarawa, Shadrach Fanega, Hussein Halane, Bashir Isse, Pravin J. Gordhan, Gill Marcus, Aggrey Tisa Sabuni, Kornelio Koryom Mayik, Luis de Guindos, Luis M. Linde, Mahinda Rajapaksa, Ajith Nivard Cabraal, Wendell E. Lawrence, Hilary Hazel, Kenny D. Anthony, Reginald Darius, Ralph E. Gonsalves, Maurice Edwards, Bader Eldin Mahmoud Abbas, AbdElrahman Hassan AbdElrahman, Gillmore Hoefdraad, Andojo Rusland, Martin G. Dlamini, Majozi V. Sithole, Stefan Ingves, Mikael Lundholm, Thomas Jordan, Eveline Widmer-Schlumpf, Ismail Ismail, Adib Mayaleh, Abdujabbor Shirinov, Matlubkhon Davlatov, Saada Mkuya Salum, Benno J. Ndulu, Prasarn Trairatvorakul, Pongpen Ruengvirayudh, Emília Pires, Abraao de Vasconselos, Adji Otèth Ayassor, Mongo Aharh-Kpessou, Aisake Valu Eke, Sione Ngongo Kioa, Larry Howai, Jwala Rambarran, Chedly Ayari, Mohamed Rekik, TAli Babacan, Erdem Basci, Gochmyrat A. Myradov, Muhammetguly A. Muhammedov, Maatia Toafa, Temate Melitiana, Maria Kiwanuka, E. Tumusiime-Mutebile, Stepan Kubiv, Oleksandr Shlapak, Sultan Bin Nasser Al-Suwaidi, Obaid Humaid Al Tayer, George Osborne, Mark Carney, Mario Bergara, Andrés Masoller, Rustam Azimov, Fayzulla Mullajanov, Maki Stanley Simelum, Simeon Malachi Athy, Julio Cesar Viloria Sulbaran, Binh Van Nguyen, Le Minh Hung, Mohamed Awad Binhumam, Alexander B. Chikwanda, Michael M. Gondwe, Patrick Anthony Chinamasa, Charity Dhliwayo

Membri del Parlamento Europeo
Rue Wiertz/Wiertzstraat 60
B-1047 Bruxelles/Brussel
Belgique/België


Attualmente:
Becker Heinz, Ehrenhauser Martin, Kadenbach Karin, Karas Othmar, Köstinger Elisabeth, Leichtfried Jörg, Lichtenberger Eva, Lunacek Ulrike, Martin Hans-Peter, Mölzer Andreas, Mynář Vojtěch, Obermayr Franz, Pirker Hubert, Regner Evelyn, Rubig Paul, Seeber Richard, Stadler Ewald, Swoboba Hannes, Werthmann Angelika, Binev Slavi, Hyusmenova Filiz Hakaeva, Ilchev Stanimir, Iotova Malinova Iliana, Ivanova Iliana, Kalfin Ivaylo, Kazak Metin Huysein, Kirilov Evgeni, Kovatchev Andrey, Malinov Scetoslav Hristov, Nedelcheva Mariya, Neynsky Nadezhda, Panayotov Vladki Todorov, Parvanova Antonyia, Stoyanov Dimitar, Stoyanov Emil, Urutchev Vladimir, Březina Jan, Brzobohatá Zuzana, Cabrnoch Milan, Češkova Andreá, Dušek Robert, Fajmon Hynek, Falbr Richard, Havel Jiří, Kohlíček Jaromír, Kožušník Edvard, Maštálka Jiří, Mynář Vojtěch, Ouzký Miroslav, Poc Paval, Ransdorf Miloslav, Remek Vladimír, Roithová Zuzana, Rouček Dr Libor, Sehnalova Olga, Strejček Ivo, Tošenovský Evžen, Vlasák Oldřich, Zahradil Jan, Kelam Tunne, Ojuland Kristiina, Oviir Siiri, Padar Ivari, Savissar Vilja, Alfonsi Francois, Andrieu Eric, Arif Kader, Auconie Sophie, Audy Jean-Pierre, Bélier Sandrine-Sabrina, Benarab-Attou Malika, Bennahmias Jean-Luc, Berès Pervenche, Berra Nora, Besset Jean-Paul, Bicep Jean-Jacob, Boulland Philippe, Bové José, Briard Auconie Sophie, Cadec Alain, Canfin Pascal, Castex Françoise, CAVADA Jean-Marie, Cochet Yves, Cohn-Bendit Daniel, Cottigny Jean Louis, Danjean Arnaud, Dantin Michel, Dati Rachida, Daul Joseph, De Sarnez Marielle, De Veyrac Christine, de Villiers Philippe, Delli Karima, Désir Harlem, Flautre Hélène, Franco Gaston, Gallo Marielle, Gauzès Jean-Paul Michel, Gollnisch Bruno, Goulard Sylvie, Grelier Estelle, Greze Catherine, Griesbeck Nathalie, Grossetête Françoise, Guillaume Sylvie, Hénin Jacky, Hoang Ngoc Liem, Hortefeux Brice, Jadot Yannick, Joly Eva, Juvin Philippe, Kiil-Nielsen Nicole, Lamassoure Alain, Le Brun Agnès, Le Foll Stéphane, Le Grip Constance, Le Hyaric Patrick, Le Pen Jean-Marie, Le Pen Marine, Lepage Corinne, Mathieu Véronique, Mélenchon Jean-Luc, Morin-Chartier Elisabeth, Omarjee Younous, Paragneaux Gilles, Peillon Vincent, Ponga Maurice, Proust Franck, Riquet Dominique, Rivasi Michele, Roatta Jean, Rochefort Robert, Saïfi Tokia, Sanchez-Schmid Marie-Thérèse, Striffler Michele, Thomas Isabelle, Tirolien Patrice, Trautmann Catherine, Vergiat Marie-Christine, Vergnaud Bernadette, Vlasto Dominique, Weber Henri, Zéribi Karim, Angourakis Charalampos, Arsenis Kriton, Chountis Nikolaos, Chrysogelos Nikos, Danellis Spyros, Droutsas Dimitrios, Giannakou Marietta, Koppa Eleni Maria, Koumoutsakos Georgios, Kratsa-Tsagaropoulou Rodi, Paliadeli Chrysoula, Papanikolaou Georgios, Papastamkos Georgios, Podimata Anni, Poupakis Konstantinos, Rapti Sylvana, Salavrakos Nikolaos, Skylakakis Theodoros, Stavrakakis Georgios, Toussas Georgios, Tsoukalas Ioannis, Tzavela Niki, Aylward Liam, Childers Nessa, Costello Emer, Crowley Brian, Gallagher Pat the Cope, Harkin Marian, Higgins Jim, Kelly Seán, McGuinness Mairead, Mitchell Gay, Murphy Paul, Prendergast Phil, Godmanis Ivars, Kalniete Sandra, Kariņš Arturs Krišjānis, Mirskis Aleksandrs, Rubiks Alfreds, Šadurskis Kārlis, Vaidere Inese, Ždanoka Tatjana, Zīle Roberts, Bach Georges, Engel Frank, Goebbels Robert, Goerens Charles, Lulling Astrid, Turmes Claude, Belder Bastiaan, Berman Thijs, Bozkurt Emine, Cornelissen Marije, de Jong Cornelis, de Lange Esther, Eickhout Bas, Gerbrandy Gerben-Jan, Hartong Lucas, in 't Veld Sophia, Liotard Kartika Tamara, Manders Toine, Merkies Judith A, Mulder Jan, Oomen-Ruijten Ria, Sargentini Judith, Schaake Marietje, Stassen Laurence J A J, van Baalen Johannes Cornelis, van Dalen Peter, van de Camp Wim, van der Kammen Patricia, van der Stoep Daniël, van Nistelrooij Lambert, Wortmann-Kool Dr Corien, Zijlstra Auke, Alves Luís Paulo, Bastos Regina, Capoulas Santos Luis Manuel, Carvalho Maria Da Graça, Coelho Carlos, Correia De Campos António Fernando, David Mário, Estrela Edite, Feio Diogo, Fernandes José Manuel, Ferreira Elisa, Ferreira João, Gomes Ana Maria, Matias Marisa, Melo Nuno, Moreira Vital, Patrão Neves Maria do Céu, Portas Miguel, Rangel Paulo, Sousa Alda, Tavares Rui, Teixeira Nuno, Zuba Inês Cristina, Bauer Edit, Flašíková Beňová Monika, Kozlík Sergej, Kukan Eduard, Manka Vladimír, Mészáros Alajos, Mikolášik Miroslav, Neveďalová Katarína, Paška Jaroslav, Smolková Monika, Št’astný Peter, Záborská Anna, Zala Boris, Andres Barea Josefa, Arias Echeverría Pablo, Ayala Sender Inés, Ayuso Pilar, Badia i Cutchet Maria, Bilbao Barandica Izaskun, Cercas Alonso Alejandro, Correa Zamora María Auxiliadora, Cortés Lastra Ricardo, del Castillo Vera Pilar, Díaz De Mera García Consuegra Agustín, Estaras Ferragut Rosa, Fisas Ayxela Santiago, Fraga Estévez Carmen, Garcés Ramón Vicente Miguel, Garcia Perez Iratxe, García-Hierro Caraballo Dolores, Gardiazábal Rubial Eider, Garriga Polledo Salvador, Grandes Pascual Luis de, Guerrero Salom Enrique, Gutiérrez Prieto Sergio, Gutiérrez-Cortines Cristina, Herranz García Esther, Irigoyen Pérez María, Iturgaiz Angulo Carlos José, Jimenez-Becerril Barrio Teresa, Lope Fontagné Veronica, López Aguilar Juan Fernando, López-Istúriz White Antonio, Martínez Martínez Miguel Angel, Masip Hidalgo Antonio, Mato Adrover Gabriel, Mayor Oreja Jaime, Menéndez del Valle Emilio, Meyer Willy, Millán Mon José Francisco, Miranda Ana, Miranda Ana, Muñiz De Urquiza María Paloma, Naranjo Escobar Juan, Obiols I Germà Raimon, Ortiz Vilella Eva, Perello Rodriguez Andres, Riera Madurell Teresa, Romero López Carmen, Romeva i Ruede Raül, Salafranca Sánchez-Neyra José Ignacio, Sánchez Presedo Antolin, Sedó i Alabart Salvador, Sosa Wagner Francisco, Tremosa I Balcells Ramon, Vidal-Quadras Alejo, Yañez-Barnuevo Garciá Luis, Zalba Bidegain Pablo, Agnew John Stuart, Anderson Martina, Andreasen Marta, Ashworth Richard James, Atkins Sir Robert, Batten Gerard, Bearder Catherine, Bennion Phil, Bloom Godfrey, Bowles Sharon, Bradbourn Philip, Brons Andrew Henry William, Bufton John, Callanan Martin, Campbell Bannerman David, Cashman Michael, Chichester Giles, Clark Derek Roland, Colman Trevor, Dartmouth William, Davies Christopher Graham, Deva Nirj, Dodds Diane, Duff Andrew OBE, Elles James, Evans Jill, Farage Nigel, Ford Vicky, Foster Jacqueline, Fox Ashley, Girling Julie, Griffin Nick, Hall Fiona Jane, Hannan Daniel, Harbour Malcolm, Helmer Roger, Honeyball Mary, Howitt Richard, Hudghton Ian, Hughes Stephen, Kamall Syed, Karim Sajjad, Kirkhope Timothy, Lambert Jean, Ludford Baroness Sarah, Lyon George, Martin David, McAvan Linda, McCarthy Arlene, McClarkin Emma, McIntyre Anthea, McMillan-Scott Edward, Moraes Claude, Nattrass Michael Henry, Newton Dunn Bill, Nicholson James QC, Nuttall Paul, Simpson Brian, Sinclaire Nicole, Skinner Peter, Smith Alyn, Stevenson Stirton John Struan, Stihler Catherine, Sturdy William Robert, Swinburne Kay, Tannock Dr Charles, Taylor Keith, Taylor Rebecca, Van Orden Geoffrey, Vaughan Derek, Watson Graham, Willmott Glenis, Yannakoudakis Marina, Belet Ivo, Brepoels Frieda, Claeys Philip, Daerden Frederic, De Backer Phillippe, De Keyser Veronique, Dehaene Jean-Luc, Delvaux Anne, Durant Isabelle, El Khadraoui Saïd, Eppink Derk Jan, Grosch Mathieu Jean Hubert, Lamberts Philippe, Michel Louis, Neyts-Uyttebroeck Annemie, Ries Frédérique, Staes Bart, Tarabella Marc, Thyssen Marianne, Van Brempt Kathleen, Vanhecke Frank, Verhofstadt Guy, Hadjigeorgiou Takis, Kasoulides Ioannis, Papadopoulou Antigoni, Sophocleous Sophocles, Theocharous Eleni, Triantaphyllides Kyriacos, Auken Margrete, Bendtsen Bendt, Christensen Ole, Jensen Anne Elisabet, Jørgensen Dan, Løkkegaard Morten, Messerschmidt Morten, Rohde Jens, Rosbach Anna, Schaldemose Christel, Søndergaard Søren, Thomsen Britta, Turunen Emilie, Cronberg Tarja, Essayah Sari, Hassi Satu Maijastiina, Itälä Ville Heimo Antero, Jaakonsaari Liisa, Jäätteenmäki Anneli Tuulikk, Korhola Eija-Riitta, Manner Riikka, Pietikäinen Sirpa Maria, Repo Mitro, Sarvamaa Petri, Takkula Hannu, Terho Sampo, Torvalds Nils, Albrecht Jan Philipp, Alvaro Alexander, Balz Burkhard, Bisky Lothar, Böge Reimer, Brantner Franziska Katharina, Brok Elmar, Bullmann Udo, Bütikofer Reinhard, Caspary Daniel, Chatzimarkakis Jorgo, Collin-Langen Birgit, Cramer Michael, Creutzmann Jürgen, Dess Albert, Ehler Christian, Ernst Cornelia, Ertug Ismail, Ferber Markus, Fleckenstein Knut, Florenz Karl-Heinz, Gahler Michael, Gebhardt Evelyne, Geier Jens, Giegold Sven, Glante Norbert, Grässle Ingeborg, Groote Matthias, Hafner Gerald, Händel Thomas, Harms Rebecca, Haug Jutta, Häusling Martin, Hirsch Nadja, Hohlmeier Monika, Jahr Peter, Jeggle Elisabeth, Kammerevert Petra, Kastler Martin, Keller Franziska, Klass Christa, Klinz Wolf, Klute Jürgen, Koch Dieter-Lebrecht, Koch-Mehrin Silvana, Krahmer Holger, Krehl Constanze Angela, Kreissl-Dörfler Wolfgang, Kuhn Werner, Lambsdorff Alexander Graf, Lange Bernd, Langen Werner, Lehne Klaus-Heiner, Leinen Jo, Liese Peter, Lochbihler Barbara, Lösing Sabine, Mann Thomas, Mayer Hans-Peter, Meissner Gesine, Neuser Norbert, Niebler Dr Angelika, Pack Doris, Pieper Markus, Posselt Bernd, Pöttering Hans-Gert, Quisthoudt-Rowohl Godelieve, Rapkay Bernhard, Reimers Britta, Reul Herbert, Rodust Ulrike, Roth-Behrendt Dagmar, Rühle Heide, Schnellhardt Horst, Schnieber-Jastram Birgit, Scholz Helmut, Schroedter Elisabeth, Schulz Martin, Schulz Werner, Schwab Andreas, Simon Peter, Sippel Birgit, Sommer Dr Renate, Steinruck Jutta, Thein Alexandra, Theurer Michael, Trüpel Helga, Ulmer Thomas, Verheyen Sabine, Voss Axel, Weber Manfred, Weiler Barbara, Weisgerber Anja, Westphal Kerstin, Wieland Rainer, Wils Sabine, Winkler Hermann, Zeller Joachim, Zimmer Gabriele, Ader Janos, Bagó Zoltán, Bánki Erik, Bokros Lajos, Deutsch Tamás, Gál Kinga, Gáll-Pelcz Ildikó, Glattfelder Béla, Göncz Kinga, Gurmai Zita, Gyürk András, Hanikiss Ágnes, Herczog Edit, Járóka Lívia, Kósa Ádám, Kovács Béla, Morvai Krisztina, Öry Csaba, Schöpflin György, Surján László, Szájer József, Szegedi Csanád, Tabajdi Csaba Sándor, Albertini Gabriele, Alfano Sonia, Allam Magdi Cristiano, Angelilli Roberta, Antinoro Antonello, Antoniozzi Alfredo, Arlacchi Pino, Baldassarre Raffaele, Balzani Francesca, Bartolozzi Paolo, Berlato Sergio, Berlinguer Luigi, Bizzotto Mara, Bonsignore Vito, Borghezio Mario, Borsellino Rita, Cancian Antonio, Caronna Salvatore, Casini Carlo, Cofferati Segio Gaetano, Comi Lara, Costa Silvia, Cozzolino Andrea, Crocetta Rosario, De Angelis Francesco, De Castro Paolo, De Mita Luigi Ciriaco, Domenici Leonardo, Dorfmann Herbert, Fidanza Carlo, Fontana Lorenzo, Gardini Elisabetta, Gargani Giuseppe, Gualtieri Roberto, Iacolino Salvatore, Iovine Vincenzo, La Via Giovanni, Mastella Clemente, Matera Barbara, Mauro Mario, Mazzoni Erminia, Milana Guido, Morganti Claudio, Motti Tiziano, Muscardini Cristiana, Pallone Alfredo, Panzeri Pier Antonio, Patriciello Aldo, Pirillo Mario, Pittella Gianni, Prodi Vittorio, Provera Fiorello, Rinaldi Niccolò, Rivellini Crescenzio, Ronzulli Licia, Rossi Oreste, Salatto Potito, Salvini Matteo, Sartori Amalia, Sassoli David-Maria, Scotta’ Giancarlo, Scurria Marco, Serracchiani Debora, Silvestris Segio Paolo Francesco, Speroni Francesco Enrico, Susta Gianluca, Tatarella Salvatore, Toia Patrizia, Trematerra Gino, Uggias Giommaria, Vattimo Gianni, Zanicchi Iva, Zanoni Andrea, Andrikienė Laima, Balčytis Zigmantas, Blinkevičiūtė Vilija, Donskis Leonidas, Imbrasas Juozas, Landsbergis Vytautas, Morkūnaitė Radvilė, Paksas Rolandas, Paleckis Justas Vincas, Saudargas Algirdas, Tomaševski Valdemar, Uspaskich Viktor, Attard-Montalto John, Busittel Simon, Casa David, Cuschieri Joseph, Grech Louis, Scicluna Edward, Bielan Adam, Borys Piotr, Bratkowski Arkadiusz Tomasz, Buzek Jerzy, Cymański Tadeusz, Czarnecki Ryszard, Geringer de Oedenberg Lidia Joanna, Gierek Adam, Gróbarczyk Marek Józef, Grzyb Andrezej, Handzlik Małgorzata, Hibner Jolanta Emilia, Hübner Danuta Maria, Jazłowiecka Danuta, Jędrzejewska Sidonia Elżbieta, Kaczmarek Filip, Kalinowski Jarosław, Kamiński Michał Tomasz, Kolarska-Bobinska Lena Barbara, Kowal Paweł Robert, Kozłowski Jan, Kurski Jacek Olgierd, Legutko Ryszard Antoni, Liberadzki Boguslaw, Lisek Krzysztof, Lukacijewska Elżbieta Katarzyna, Marcinkiewicz Bogdan Kazimierz, Migalski Marek Henryk, Nitras Sławomir Witold, Olbrycht Jan, Olejniczak Wojciech Michał, Piotrowski Miroslaw Mariusz, Poreba Tomasz Piotr, Protasiewicz Jacek, Saryusz-Wolski Jacek, Senyszyn Joanna, Siekierski Czeslaw Adam, Siwiec Marek Maciej, Skrzydlewska Joanna Katarzyna, Sonik Boguslaw, Szymański Konrad, TrzaskowskI Rafał Kazimierz, von Thun Und Hohenstein Róża Gräfin, Wałęsa Jarosław Leszek, Wojciechowski Janusz, Włosowicz Jacek, Zalewski Paweł Ksawery, Zasada Artur, Zemke Janusz Władysław, Ziobro Zbigniew, Zwiefka Tadeusz, Antonescu Elena Oana, Băsescu Elena, Becali George, Bodu Sebastian Valentin, Boştinaru Victor, Buşoi Cristian Silviu, Cliveti Minodora, Creţu Corina, Cutaş George Sabin, Dancila Vasilica Viorica, Enciu Ioan, Ivan Cătălin Sorin, Luhan Petru Constantin, Macovei Monica Luisa, Manescu Ramona Nicole, Marinescu Marian-Jean, Matula Iosif, Nicolai Norica, Niculescu Rareş-Lucian, Paşcu Ioan Mircea, Preda Cristian Dan, Sârbu Daciana Octavia, Severin Adrian, Sógor Csaba, Stolojan Theodor Dumitru, Tănăsescu Claudiu Ciprian, Ţicău Silvia-Adriana, Tőkés László, Ungureanu Traian, Vadim Tudor Corneliu, Vălean Adina-Ioana, Weber Renate, Winkler Iuliu, Fajon Tanja, Jordan Cizelj Romania, Kacin Jelko, Kleva Mojca, Mazej Kukovič Zofija, Peterle Alojz, Vajgl Ivo, Zver Milan, Andersdotter Amelia, Corazza Bildt Anna Maria, Engström Christian, Färm Göran, Fjellner Christofer, Gustafsson Mikael, Hedh Anna, Hökmark Gunnar, Ibrisagic Anna, Johansson Kent, Lövin Isabella, Ludvigsson Olle, Nilsson Jens, Paulsen Marit, Schlyter Carl, Schmidt Olle, Svensson Alf, Ulvskog Marita, Westlund Åsa, Wikström Cecilia

Membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'America
Washington, DC 20515
United States of America


Attualmente:
Aderholt Robert, Amash Justin, Amodei Mark, Andrews Robert E., Bachmann Michele, Bachus Spencer, Barber Ron, Barletta Lou, Barr Andy, Barrow John, Barton Joe, Bass Karen, Beatty Joyce, Becerra Xavier, Benishek Dan, Bentivolio Kerry, Bera Ami, Bilirakis Gus M., Bishop Jr. Sanford D., Bishop Rob, Bishop Timothy, Black Diane, Blackburn Marsha, Blumenauer Earl, Boehner John A., Bonamici Suzanne, Bordallo Madeleine, Boustany Jr. Charles W., Brady Kevin, Brady Robert, Braley Bruce L., Bridenstine Jim, Brooks Mo, Brooks Susan W., Broun Paul C., Brown Corrine, Brownley Julia, Buchanan Vern, Bucshon Larry, Burgess Michael, Bustos Cheri, Butterfield G.K., ByrneBradley, Calvert Ken, Camp Dave, Campbell John, Cantor Eric, Capito Shelley Moore, Capps Lois, Capuano Michael E., Carney John, Carson André, Carter John, Cartwright Matthew, Cassidy William, Castor Kathy, Castro Joaquin, Chabot Steve, Chaffetz Jason, Christensen Donna M., Chu Judy, Cicilline David, Clark Katherine, Clarke Yvette D., Clay Jr. William, Cleaver Emanuel, Clyburn James E., Coble Howard, Coffman Mike, Cohen Steve, Cole Tom, Collins Chris, Collins Doug, Conaway K. Michael, Connolly Gerald E., Conyers Jr. John, Cook Paul, Cooper Jim, Costa Jim, Cotton Tom, Courtney Joe, Cramer Kevin, Crawford Rick, Crenshaw Ander, Crowley Joseph, Cuellar Henry, Culberson John, Cummings Elijah, Cárdenas Tony, Daines Steve, Davis Danny K., Davis Rodney, Davis Susan, DeFazio Peter, DeGette Diana, DeLauro Rosa L., DeSantis Ron, DelBene Suzan, Delaney John, Denham Jeff, Dent Charles W., DesJarlais Scott, Diaz-Balart Mario, Dingell John, Doggett Lloyd, Doyle Mike, Duckworth Tammy, Duffy Sean P., Duncan Jr. John J., Duncan Jeff, Edwards Donna F., Ellison Keith, Ellmers Renee, Engel Eliot, Enyart William, Eshoo Anna G., Esty Elizabeth, Faleomavaega Eni F. H., Farenthold Blake, Farr Sam, Fattah Chaka, Fincher Stephen, Fitzpatrick Michael G., Fleischmann Chuck, Fleming John, Flores Bill, Forbes J. Randy, Fortenberry Jeff, Foster Bill, Foxx Virginia, Frankel Lois, Franks Trent, Frelinghuysen Rodney, Fudge Marcia L., Gabbard Tulsi, Gallego Pete, Garamendi John, Garcia Joe, Gardner Cory, Garrett Scott, Gerlach Jim, Gibbs Bob, Gibson Chris, Gingrey Phil, Gohmert Louie, Goodlatte Bob, Gosar Paul A., Gowdy Trey, Granger Kay, Graves Sam, Graves Tom, Grayson Alan, Green Al, Green Gene, Griffin Tim, Griffith Morgan, Grijalva Raul, Grimm Michael, Guthrie S. Brett, Gutierrez Luis, Hahn Janice, Hall Ralph M., Hanabusa Colleen, Hanna Richard, Harper Gregg, Harris Andy, Hartzler Vicky, Hastings Alcee L., Hastings Doc, Heck Denny, Heck Joe, Hensarling Jeb, Herrera Beutler Jaime, Higgins Brian, Himes Jim, Hinojosa Rubén, Holdin George, Holt Rush, Honda Mike, Horsford Steven, Hoyer Steny H., Hudson Richard, Huelskamp Tim, Huffman Jared, Huizenga Bill, Hultgren Randy, Hunter Duncan D., Hurt Robert, Israel Steve, Issa Darrell, Jackson Lee Sheila, Jeffries Hakeem, Jenkins Lynn, Johnson Bill, Johnson Eddie Bernice, Johnson Henry C. "Hank" Jr., Johnson Sam, Jolly David, Jones Walter B., Jordan Jim, Joyce David, Kaptur Marcy, Keating William, Kelly Mike, Kelly Robin, Kennedy III Joseph P., Kildee Daniel, Kilmer Derek, Kind Ron, King Pete, King Steve, Kingston Jack, Kinzinger Adam, Kirkpatrick Ann, Kline John, Kuster Ann, LaMalfa Doug, Labrador Raul R., Lamborn Doug, Lance Leonard, Langevin Jim, Lankford James, Larsen Rick, Larson John B., Latham Tom, Latta Robert E., Lee Barbara, Levin Sander, Lewis John, Lipinski Daniel, LoBiondo Frank, Loebsack David, Lofgren Zoe, Long Billy, Lowenthal Alan, Lowey Nita, Lucas Frank, Luetkemeyer Blaine, Lujan Grisham Michelle, Lujan Ben R., Lummis Cynthia M., Lynch Stephen F., Maffei Daniel, Maloney Carolyn, Maloney Sean Patrick, Marchant Kenny, Marino Tom, Massie Thomas, Matheson Jim, Matsui Doris O., McAllister Vance, McCarthy Carolyn, McCarthy Kevin, McCaul Michael T., McClintock Tom, McCollum Betty, McDermott Jim, McGovern James, McHenry Patrick T., McIntyre Mike, McKeon Buck, McKinley David, McMorris Rodgers Cathy, McNerney Jerry, Meadows Mark, Meehan Pat, Meeks Gregory W., Meng Grace, Messer Luke, Mica John, Michaud Michael, Miller Candice, Miller Gary, Miller George, Miller Jeff, Moore Gwen, Moran James, Mullin Markwayne, Mulvaney Mick, Murphy Patrick, Murphy Tim, Nadler Jerrold, Napolitano Grace, Neal Richard E., Negrete McLeod Gloria, Neugebauer Randy, Noem Kristi, Nolan Rick, Norton Eleanor Holmes, Nugent Richard, Nunes Devin, Nunnelee Alan, O'Rourke Beto, Olson Pete, Owens Bill, Palazzo Steven, Pallone Jr. Frank, Pascrell Jr. Bill, Pastor Ed, Paulsen Erik, Payne Jr. Donald, Pearce Steve, Pelosi Nancy, Perlmutter Ed, Perry Scott, Peters Gary, Peters Scott, Peterson Collin C., Petri Thomas, Pierluisi Pedro, Pingree Chellie, Pittenger Robert, Pitts Joseph R., Pocan Mark, Poe Ted, Polis Jared, Pompeo Mike, Posey Bill, Price David, Price Tom, Quigley Mike, Radel Trey, Rahall Nick, Rangel Charles B., Reed Tom, Reichert David G., Renacci Jim, Ribble Reid, Rice Tom, Richmond Cedric, Rigell Scott, Roby Martha, Roe Phil, Rogers Mike, Rogers Mike, Rogers Harold, Rohrabacher Dana, Rokita Todd, Rooney Tom, Ros-Lehtinen Ileana, Roskam Peter J., Ross Dennis, Rothfus Keith, Roybal-Allard Lucille, Royce Ed, Ruiz Raul, Runyan Jon, Ruppersberger Dutch, Rush Bobby L., Ryan Paul, Ryan Tim, Sablan Gregorio, Salmon Matt, Sanchez Linda, Sanchez Loretta, Sanford Mark, Sarbanes John P., Scalise Steve, Schakowsky Jan, Schiff Adam, Schneider Brad, Schock Aaron, Schrader Kurt, Schwartz Allyson Y., Schweikert David, Scott Austin, Scott David, Scott Robert C., Sensenbrenner F. James, Serrano José E., Sessions Pete, Sewell Terri A., Shea-Porter Carol, Sherman Brad, Shimkus John, Shuster Bill, Simpson Mike, Sinema Kyrsten, Sires Albio, Slaughter Louise, Smith Adam, Smith Adrian, Smith Chris, Smith Jason, Smith Lamar, Southerland Steve, Speier Jackie, Stewart Chris, Stivers Steve, Stockman Steve, Stutzman Marlin, Swalwell Eric, Takano Mark, Terry Lee, Thompson Bennie G., Thompson Glenn W., Thompson Mike, Thornberry Mac, Tiberi Pat, Tierney John, Tipton Scott, Titus Dina, Tonko Paul D., Tsongas Niki, Turner Michael, Upton Fred, Valadao David, Van Hollen Chris, Vargas Juan, Veasey Marc, Vela Filemon, Velázquez Nydia M., Visclosky Peter, Wagner Ann, Walberg Tim, Walden Greg, Walorski Jackie, Walz Timothy J., Wasserman Schultz, Waters Maxine, Watt Mel, Waxman Henry, Weber Randy, Webster Daniel, Welch Peter, Wenstrup Brad, Westmoreland Lynn A., Whitfield Ed, Williams Roger, Wilson Frederica, Wilson Joe, Wittman Robert J., Wolf Frank, Womack Steve, Woodall Robert, Yarmuth John A., Yoder Kevin, Yoho Ted, Young Don, Young Todd

 

NOTIFICA DELLO STATO DEI FATTI

- BANCAROTTA DELLA REPUBBLICA DI CROAZIA -
- PATTI CHIARI, AMORE LUNGO -

Modalità di consegna: Poste Italiane
Lettere raccomandate nr.
14958183614-0, RA745625527IT, RA745625535IT, RA745625544IT, RA745625558IT,
RA745625561IT, RA736694864IT, RA736694855IT, RA736694847IT, RA736694833IT

 

Gentili Signore e Signori,

prima di rivolgermi a voi, direttamente e inequivocabilmente in maniera chiara nelle ultime righe di questa Notifica ufficiale, trovo appropriato inserire nel documento anche alcune mie comprensioni della vita, perché esso si riferisce ai cambiamenti radicali nelle mie relazioni, non solo con le vostre parti, ma anche con vario pubblico molto più ampio - vale a dire con tutti i membri della cosiddetta "società".

Un autore sconosciuto ha recentemente constatato come la cosiddetta "correttezza politica" non sia altro che la dottrina favorita da una insana minoranza illogica, promossa attraverso mainstream media con l'allusione di poter raccogliere la cacca dalla parte pulita. Esaminando le statistiche, è facile accorgersi che la percentuale più alta di coloro che ingannando cercano di acquisire il rispetto per la loro figura allo scopo di giustificarne l'esistenza - è fatta da uomini che costruiscono la propria carriera in politica, finanza e religione.

Esistono solo due modi in cui si possa imporre a qualcuno l'opinione altrui.
Se escludiamo la violenza fisica contro gli uomini, mentire rimane l'unico modo per dominarli.
Generalmente parlando, l'uso diretto della forza fisica contro la subordinata popolazione è di solito l'ultima risorsa a cui i personaggi con alte posizioni sociali ricorrono per mantenere lo status quo. Raramente (o mai) qualche presidente, primo ministro, prete, governatore o giudice ha sparato o picchiato il comune sgobbone. Eppure i suddetti sgobboni, nonostante essendo a distanza di sicurezza - ben al di fuori della portata dei "pesci grossi", sebbene involontariamente obbediscano comunque ogni giorno innumerevoli volte alle loro parole: "questo lo devi fare, questo non lo devi fare", che li raggiungono incessantemente nei modi più fantasiosi.
Il mezzo primario degli oppressori, per dominare e controllare gli oppressi quindi ovviamente non è l'uso della forza fisica, ma è l'utilizzo delle parole - sia che si tratti di quelle ascoltate, di quelle guardate o di quelle toccate.

Tra la gente c'è la tendenza a comportarsi secondo le proprie convinzioni che considerano senz'altro vere. Molti uomini onesti e sinceri conoscono bene le proprie verità, e poi alla fine viene fuori che queste loro supposizioni non corrispondono neanche minimamente alla realtà. Ad esempio, quando nei tempi passati i primi marinai arrivavano con le navi a vela all'orizzonte, miracolosamente non erano inghiottiti dal profondo abisso che lì doveva aprirsi.

Molta gente forse rimarrà sorpresa, ma le bugie non abitano soltanto nelle frasi. Per di più, il nostro dizionario è pieno di parole che sono menzogne di se stesse - parole inventate per imporre a coloro a cui sono dirette, determinate impostazioni mentali. La caratteristica fondamentale di queste parole è che gli oppressori le usano contro le loro vittime, mentre le vittime non possono servirsi delle stesse contro i loro oppressori.

Allucinazione, vale la pena ricordarsi, significa da qualche parte vedere qualcosa che lì non c'è.
Se sul primo canale TV appare l'immagine di 10 uomini nudi, gli spettatori vedranno sullo schermo esattamente quello che gli si presenta davanti agli occhi. Gli telespettatori del secondo canale, dove appare un'identica immagine allo stesso tempo, però con una freccia con la scritta "Re" diretta verso uno di quelli svestiti, percepiranno tuttavia la realtà in modo completamente diverso. Immaginando nell'uomo nudo segnalato qualcosa di extra rispetto agli altri spogliati da cui è circondato. Sullo schermo successivamente appare un foglio di carta che viene strappato in 10 pezzi uguali. Ciascuno dei dieci uomini svestiti scrive poi con la matita sopra il suo pezzo di carta il numero "1.000.000" e la parola "denaro". Gli spettatori del primo canale vedono in tutti i dieci pezzi di carta un grande scherzo che li fa ridere fino alle lacrime, mentre gli spettatori stupiti del secondo canale TV si concentrano sulla grande ricchezza in mano di "Sua Altezza" completamente denudata. In maniera simile, mentre da una parte gli spettatori del terzo canale televisivo seguono come Bear Grylls sopravvive in Natura, dall'altra parte gli telespettatori del quarto canale che osservano la stessa scena, ma con una mappa mostrata nell'angolo dello schermo, immagineranno però come il popolare avventuriero stia infrangendo la cosiddetta "legge" col cosiddetto "illegale" attraversamento del cosiddetto "confine" tra la cosiddetta "Serbia" e la cosiddetta "Bulgaria".

Non si può negare che il cosiddetto "Governo" è prima di tutto una finzione che controllando la realtà, perseguendo questi o quegli interessi, altera innanzitutto la verità sulla propria realtà.
A mia comprensione, il "Governo" funziona più che perfettamente, ma il suo modo di operare è anni luce distante dall'onestà e dalla trasparenza, dato che il "Governo" nella sua definizione di se stesso omette di precisare due fattori critici: Se il “Governo” non è un truffatore, allora perché ogni singolo cittadino non possiede una copia del contratto su cui ha firmato che consapevolmente e volontariamente si impegna a cooperare col "Governo" sulla tortura di se stesso? Se il "Governo" non è un tiranno, allora dove sono spariti tutti quelli che non avendo nessun contratto con esso sono liberi di negargli l'autorità di governarli, liberi di negargli l'autorità di sottrarre loro proprietà, liberi di negargli l'autorità di spiarli, liberi di negargli l'autorità di maltrattarli sia fisicamente che psichicamente, liberi di negargli l'autorità di inviarli in guerre, liberi di negargli l'autorità di limitare il loro movimento, liberi di negargli l'autorità di interferire con la loro vita familiare e affari privati?

Ognuno è libero di scegliere di adottare o di evitare credenze e pregiudizi che restringono le scelte personali. Ad ogni modo, credere negli "imperatori", negli "Stati", nei "governi" e nelle loro "leggi" non è meno assurdo che credere nei fantasmi. Citando il famoso Voltaire che una volta avvertì come gli uomini che credono in assurdità prima o poi commetteranno atrocità, e tenendo a mente la tragica storia dell'umanità in cui i più grandi crimini sono stati commessi dagli uomini che hanno seguito le "regole" e non dai quelli che le hanno trasgredite, vorrei trasmettere alle giovani generazioni che l'obbedienza è molto pericolosa in quanto facilmente (come una caratteristica personale anomala) diventa il sostituto per il pensiero.

La Natura ha impiantato nell'uomo la capacità di sopravvivenza indipendente e la creatività. Gli ha assegnato tra l'altro, il diritto di esistere come capo di se stesso che non dipende dai accordi altrui, il diritto di produrre, di possedere, di comunicare e di viaggiare.
Proprio per questo motivo, quando lo creava - la Natura ha fatto l'uomo personalmente responsabile di ogni aspetto della sua vita.
Responsabile quindi, tra l'altro, sia quando lui compromette le scelte degli altri uomini, sia nei casi in cui bisogna scegliere se auto-difendersi o arrendersi quando altri uomini compromettono le sue scelte.

Se si potesse misurare in qualche modo cosi tanta speranza nel concreto cambiamento positivo, quanta se n'è creata dopo questi ultimi 2000 anni di devastante crisi economico-politica globale, il misuratore molto probabilmente esploderebbe. A prescindere che si consideri il libro, l'osteria oppure Google come Madre della Sapienza, dare un'occhiata all'alternativa alla speranza di cui sotto, certamente non guasta affatto. Più tu caro lettore sei irrealistico, più è essa utopia:

Tra la gente che vive liberamente e felicemente del proprio lavoro alla foce del fiume, un giorno arriva un sconosciuto.
Lui: "Salve a tutti, io sono il Re".
Essi: "Tua madre ti ha chiamato proprio strano".
Lui: "Ma no, il mio nome è Adolf".
Essi: "Noi non capiamo, perché ti presenti come Re se il tuo nome è Adolf"?
Lui: "Io sono agente di Dio, persona speciale in missione santa".
Essi: "Sei vestito un po diversamente, ma in questo non c'è niente di speciale - cos'è persona, cos'è agente, chi è Dio"?
Lui: "Dio è il creatore dell'intero Universo e di tutto ciò che in esso esiste".
Essi: "È perché anche lui non è venuto, cosi che gli chiediamo come è riuscito a fare tutto questo"?
Lui: "Dio è qui, Dio è ovunque, Dio è onnipotente".
Essi: "Come possiamo parlare con lui se non lo vediamo qui in questo momento"?
Lui: "Non potete né vedere né sentire Dio, ma lui vede e sente tutto".
Essi: "Sei un uomo molto sciocco".
Lui: "No non lo sono, io sono una persona speciale; guardate questo sassolino, abracadabra... hop, scomparso".
Essi: "Agisci furbamente, Adolf, strane parole pronunci e sei bravo ad eseguire i trucchi".
Lui: "No, io sono il Re e la mia parola è Legge".
Essi: "Legge, mai sentito parlare, che cos'è - un'altra cosa speciale"?
Lui: "Sì, tutti devono obbedire alla Legge".
Essi: "Ah, adesso abbiamo capito, la Legge è dunque un ordine".
Lui: "Esattamente. Siccome la parola del Re è Legge, e siccome io sono il Re, io quindi comando e voi obbedite".
Essi: "Finalmente abbiamo compreso tutto, Adolf. Tu sei un uomo come noi, non hai la coda, non hai 3 teste, 4 mani o 9 gambe; quello che ti rende speciale sono le parole speciali che dici".
Lui: "Avete capito male tutto".
Essi: "Non vediamo Dio, non vediamo l'agente, non vediamo la persona, non vediamo il Re, non vediamo la Legge, vediamo solo te - è perciò speciale chiunque usa le parole speciali"?
Lui: "Non avete capito niente, disgraziati non educati".
Essi: "No, ma ti ringraziamo lo stesso per il tuo sforzo. Adesso però ti salutiamo, è ora di pranzo e poi ognuno al suo lavoro".

Secondo gli Articoli 14 e 15 della cosiddetta "Dichiarazione sul diritto e la responsabilità degli individui, dei gruppi e degli organi della società di promuovere e proteggere le libertà fondamentali e i diritti umani universalmente riconosciuti (Nazioni Unite, anno 1998)", prima di stabilire la comunicazione con gli uomini - i funzionari e impiegati dello Stato sono tenuti ad informarli del fatto che non sono obbligati ad associarsi e/o a collaborare con l'apparato statale. Cosi almeno dovrebbe essere tenendo conto del fatto che Stato = associazione, e considerando l'Articolo 20 della cosiddetta "Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo (Nazioni Unite, anno 1948)" dove si afferma chiaramente e inequivocabilmente: "Nessuno può essere costretto a far parte di una associazione".

Per la gran parte della gente qui sull'area geografica della cosiddetta Italia, l'uomo e la PERSONA sono una stessa cosa. Se il termine inglese "person" invece che essere tradotto come "personalità giuridica" che nessuno capisce cosa diavolo sia, viene tradotto in italiano correttamente, allora sì che l'Articolo 6 della "Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo" improvvisamente diventa facilmente comprensibile anche all'ultimo stolto: "Ognuno in ogni luogo ha il diritto di rifutare di essere riconosciuto come una persona".

 

Riappropriazione della sovranità personale, rigenerazione del diritto di proprietà sulla parte proporzionale della Ex-RSFJ proprietà sociale, risarcimento.

 

Ed ecco qua che spunta la domanda chiave: Se uno non è la persona, cos'è allora?

Nonostante alcuni assumendo il potere di decidere cos'è la verità, tentano di degenerarla, essa rimane sempre una unica singolarità: O sei l'uomo, o sei la PERSONA - non puoi essere tutti due allo stesso momento! Metti caso che uno straniero residente in Italia, difendendosi ad esempio nel Tribunale di Bologna si appellasse per esempio alle Leggi Cinesi - sarebbe ridicolo, giusto? Guardare quotidianamente le PERSONE appellarsi continuamente ai Diritti dell'Uomo è altrettanto comico. Applicare sugli Uomini le LEGGI valide solo per le PERSONE non è per niente meno bizzarro.

A proposito delle sopra menzionate NORME DI COMPORTAMENTO, cosiddette LEGGI STATUTARIE meglio conosciute come LEGGI DELLO STATO, non c'è bisogno di aggiungere altro che questo: Senza le prove incontestabili, qualsiasi affermazione non è altro che una presunzione, o tradotto in parole povere pura cazzata. Credenze che condizionano la nostra vera vita non sono costose, e più si consumano più il creduto diventa reale. Tutto può esistere se abbastanza gente crede in questo. Gli esempi nel passato sono innumerevoli, ed uno di questi è che noi uomini siamo limitati ad esistere e muoverci soltanto dentro il quadro del concetto socio-economico statale. Le credenze però sono prodotti che con la verità non hanno niente in comune. La verità è una cosa totalmente diversa. La verità è una atmosfera sana, non contaminata dai privilegi. Essa è sovrana ed indipendente dalle tradizioni, leggi, costumi, tribunali, culture e commissioni. Più la si ricerca coraggiosamente e meno si crede nella speranza, più è presente. Per quanto provino ad adattarla a se stessi, i credenti non possono crearla, perché la verità esiste già, che loro credano in essa o no. Tutta la catastroficamente triste storia umana può sintetizzarsi in poche parole, cioè che falsa felicità ha breve durata; perciò i veri uomini accettando il rischio cercano di adattare se stessi alla verità, e non viceversa.

Per quanto invece riguarda la Legge Naturale Universale, voi gentili Signore e Signori - membri del Governo della Repubblica Italiana, membri del Governo della Repubblica di Slovenia, membri della Commissione Europea, membri della Corte di Giustizia dell'Unione Europea, membri del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea, membri del Consiglio di Amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali, membri della Corte Internazionale di Giustizia, membri del Consiglio dei Governatori del Fondo Monetario Internazionale, membri del Parlamento Europeo, membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'America - siete pregati di leggere attentamente questo documento nella sua interezza prima di rispondere eventualmente. Trattasi di Notifica che vi informa. Essa significa esattamente quello che dice.

Non e una supposizione ma un fatto indiscutibile: A differenza dell'uomo che come essere vivente fatto di carne e ossa vive nel mondo reale, una PERSONA in nessun caso può "esistere" al di fuori dall'immaginario concetto dello STATO.

L'imitazione artificiale della mia realtà fisica, cosiddetta PERSONA ĐURIĆ ALJOŠA, cioè copia pirata di me stesso, illegittimamente e forzatamente creata all'inizio degli anni novanta non da madre e padre biologici ma da un'altra finzione, cioè dalla precedentemente accennata entità virtuale - è stata cancellata il giorno 05 Ottobre 2013 attraverso Comunicazione ufficiale a livello globale (traduzione completa di seguito allegata a questa Notifica), sia al PRESIDENTE DEL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI CROAZIA, sia a tutti altri GOVERNI, TRIBUNALI, POLIZIE ed altre parti.

- RIAPPROPRIAZIONE DELLA SOVRANITÀ - RESTITUZIONE DELLA PROPRIETÀ SOTTRATTA - RISARCIMENTO -
http://cromalternativemoney.org/index.php/en/media/news/reapropriacija-suvereniteta-regeneracija-vlasnitva-nad-ex-yu-imovinom-i-odteta.html

 

Riappropriazione della sovranità personale, rigenerazione del diritto di proprietà sulla parte proporzionale della Ex-RSFJ proprietà sociale, risarcimento.

 

Essendo completamente fuori dal SISTEMA e dai suoi REGOLAMENTI, Io - Aljoša da famiglia Đurić non ho il nome, non ho il cognome, non abito, non ho un domicilio, non ho residenza, non ho nessun indirizzo, ma senza bisogno di alcun permesso e/o licenza semplicemente vivo onestamente e pacificamente ovunque dove mi trovo in un dato momento. Come uomo libero e sovrano sul pianeta Terra sono sotto esclusiva giurisdizione della Legge Naturale Universale. Non rappresento nessuno e nessuno ha il mio consenso di rappresentarmi - di conseguenza, chiunque osa influenzare anche minimamente la mia vita in tal modo, compie un crimine. Trattative, affari o qualsiasi altro tentativo di stabilire il contatto, dalla mia parte è regolarmente ignorato se non mi si rivolge specificatamente e inequivocabilmente per quello che realmente sono, ed esplicitamente in unica maniera indicata, cioè via email. Ugualmente agisco anche quando si cerca di approcciarmi usando il cosiddetto linguaggio LEGALE che non mi interessa minimamente.

É dalla sua più o meno recente "nascita" che la creazione fittizia meglio conosciuta come REPUBBLICA DI CROAZIA falsamente ed illegittimamente si dichiara proprietario di una fetta significativa della ricchezza sociale della EX-YU che non le appartiene in nessun caso ed in nessuna circostanza. Con questa Notifica, gentili Signore e Signori - membri del Governo della Repubblica Italiana, membri del Governo della Repubblica di Slovenia, membri della Commissione Europea, membri della Corte di Giustizia dell'Unione Europea, membri del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea, membri del Consiglio di Amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali, membri della Corte Internazionale di Giustizia, membri del Consiglio dei Governatori del Fondo Monetario Internazionale, membri del Parlamento Europeo, membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'America - siete ulteriormente correttamente informati: Non accettando l'offerta di accordo alternativo condizionato con cui poteva onestamente espiare una volta per sempre tutti i gravi crimini di cui è l'autrice (con condizioni molto favorevoli rispetto alle dimensioni di danno complessivo sia corporeo che spirituale e materiale inflittomi), la cosiddetta REPUBBLICA DI CROAZIA dal 04 gennaio 2014 sta operando in bancarotta. A causa di obblighi verso Aljoša da famiglia Đurić non onorati entro il ragionevole termine previsto di 90 giorni (scaduto 03 gennaio 2014). Sottolineo, trattasi degli obblighi di cui gli uomini reali che governano e rappresentano la REPUBBLICA DI CROAZIA, incluso tutti gli altri che la compongono, sono stati correttamente informati tramite Notifica contenente prove inconfutabili - regolarmente consegnatagli 11 Ottobre 2013:

- obbligo di restituzione di una parte proporzionale di totale EX-RSFJ proprietà sociale illegittimamente impossessata (incluso le risorse finanziarie e riserve di materie prime della ex società Jugoslava);

- obbligo di compensazione in oro puro per tutti i danneggiamenti di proprietà menzionata, e obbligo di compensazione in oro puro per tutte le cose mobili e immobili che per motivi giustificati non possono essere restituite interamente o come un insieme, incluso aziende, edifici residenziali e commerciali, edifici sanitari, infrastrutture turistiche e militari, attrezzature ed equipaggiamenti, veicoli terrestri e acquatici, aeromobili, varie meccanizzazioni, risorse naturali e patrimonio culturale, brevetti protetti, processi ed prodotti, e tutto il resto qui non quotato;

- obbligo di restituzione (con gli interessi) di tutti i fondi sottratti sotto forma dei cosiddetti contributi pensionistici;

- obbligo di risarcimento, nella quantità di 2.000.000 once Troy di oro puro, per il guadagno perso nel senso strettamente affaristico (impossibilità di utilizzare proprietà menzionata), ed anche nel senso complessivo per il furto ne meno ne più del inestimabile valore chiamato "la vita" (minacce armate, privazione illegittima della libertà, imprigionamento, intimidazione, tortura mentale, coercizione al sostenimento degli obiettivi altrui, coercizione al servizio militare e partecipazione alla guerra, istigazione al suicidio, danneggiamento della salute, costrizione al associamento involontario, impedimento alla libertà di azione, costrizione al abbandono del habitat, e tutta una serie di altri disgustosi metodi di calpestamento dei fondamentali diritti umani e forme di provocatorio e offensivo svilimento di dignità dell'uomo, forme di soffocamento in un individuo del desiderio di vita incondizionata, forme di soffocamento della creatività individuale, e modi di distruggere in un individuo il senso per verità e giustizia)
.

Signore e Signori, dal 04 gennaio 2014 la REPUBBLICA DI CROAZIA è ogni nuovo giorno di ritardo ulteriormente indebitata per 250 once Troy di oro puro degli interessi: 100 per mancata restituzione di proprietà illegittimamente sottrattami e dei fondi finora andati per fini pensionistici, e 150 per non avermi pagato il dovuto risarcimento per tutti i danni inflittimi.
Dalla stessa data, ogni accesso alla proprietà di cui sono legittimo proprietario privato - da me precedentemente non autorizzato in forma scritta, ed ogni utilizzo di una qualsiasi delle sue caratteristiche - da me precedentemente non autorizzato in forma scritta, è trattato come violazione della pace e addebitato con un importo di 3 once Troy di oro puro. Inoltre, la REPUBBLICA DI CROAZIA deve anche compensarmi tutto il tempo (1 ora = 200 once Troy di oro puro) che a partire dal 04 gennaio 2014 sto consumando su questa faccenda - finora 31 ore.

In quanto legittimo proprietario dei medesimi, lei Sig. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DELLA REPUBBLICA ITALIANA è correttamente informato tramite questa Notifica dell'obbligo di restituirmi con interessi accumulati, entro un ragionevole limite di tempo di 40 giorni dalla data odierna, tutti fondi finora sottrattimi sotto forma di contributi di varie versioni della PERSONA DURIC ALJOSA (CODICE FISCALE XXXXXXXXXXXZ153X / XXXXXXXXXXXZ118X / XXXXXXXXXXXZ149X) per la cosiddetta pensione. Per comunicarmi i dettagli della consegna lei ha a disposizione la mia email. Oltre ad altri interventi appropriati, l'eventuale mancato rispetto del citato termine di scadenza risulterà anche con l'addebito nei confronti della vostra parte dell'importo di 100 once Troy di oro puro per ogni giorno di ritardo.

Signore e Signori, a proposito di vostre immediate e prossime decisioni consce e ragionate ed azioni spontanee in relazione allo stato dei fatti di cui siete - sia come uomini sia come PERSONE che ricoprono le più alte cariche sociali e istituzionali - venuti a conoscenza attraverso questa Notifica, spetta a voi esplorare la vostra piena responsabilità personale ai sensi della Legge Naturale Universale. Specialmente quella che riguarda il vostro rapporto verso la qui indicata parte della EX-YU proprietà sociale complessiva, ed il vostro rapporto verso tutti coloro (indipendentemente se si tratti di un GOVERNO, di una NAZIONE, di una SOCIETÀ, di un GRUPPO, di una COMUNITÀ, di una CORPORAZIONE o di qualcun altro) che negli anni '90 hanno illegittimamente, sulla base criminale, proclamato questa ricchezza come proprietà CROATA.

A mia comprensione, questo caso specifico, per quanto riguarda la REPUBBLICA DI CROAZIA come parte integrante del sistema socio-politico internazionale in cui voi - Signore e Signori - siete una delle più alte autorità, rientra nella vostra competenza e siete dovuti a prendervene cura. Tutto ciò di cui in questa maniera siete correttamente informati, è accompagnato dalle prove, la cui incontestabile natura non apre neanche il minimo margine di manovra a qualsiasi dubbio, dilemma e controversia circa l'illegittimo sistematico calpestamento istituzionale dei fondamentali diritti umani. Considerando la vostra posizione sociale, a mia comprensione è vostro dovere, per quanto riguarda la REPUBBLICA DI CROAZIA, di avviare urgentemente le misure per risolvere questa situazione nella quale sono presenti tutte le caratteristiche di un crimine di guerra, e non solo!

Considerando la vostra posizione sociale, per quanto riguarda la REPUBBLICA DI CROAZIA, la condizione umana e l'interazione tra gli uomini, ritengo superfluo specificare, come, nel mio procedimento (in conformità alla Legge Naturale Universale) con questa questione, sarà trattata la vostra eventuale negligenza e ignoranza.

Signore e Signori, le cose stanno così: Non avete nè il mio consenso, nè contratto con me, né giurisdizione su di me. Le mie comprensioni sono ben studiate, fattualmente verificabili e servite nell'interezza. Signore e signori, vi do 40 giorni di tempo per sistemare le cose per quanto riguarda la REPUBBLICA DI CROAZIA. Se non siete in grado di farlo, è mia richiesta e vostro dovere e vostro obbligo di inoltrare questo caso a una giurisdizione superiore. Siete pregati di essere consapevoli che ogni vostra risposta alla presente Notifica è considerata fatta sotto giuramento d'ufficio e completa responsabilità personale (responsabilità commerciale e responsabilità dello spergiuro incluse).

 

La presente Notifica è redatta in undici pienamente valide
identiche copie, dieci per i destinatari ed una per il mittente.

Senza cattive intenzioni, malizia, vessazione, frivolezza, in buona
fede e con tutti i miei inalienabili diritti naturali intatti.

 

Pianeta Terra, 15 aprile 2014
Aljoša da famiglia Đurić

Riappropriazione della sovranità personale, rigenerazione del diritto di proprietà sulla parte proporzionale della Ex-RSFJ proprietà sociale, risarcimento.

 

PS: Dato che non sono un super-computer, forse mi sono perso l'informazione che qualche falsario di denaro ha raddoppiato il valore della sua opera inserendo nel bilancio finanziario il guadagno sull'emissione (differenza tra il costo di produzione della moneta e il valore nominale stampato su di essa) come "minus". Comunque sia, Willem Buiter - uno degli economisti più rispettati nel Regno Unito, è arrivato a questa conclusione nel 2007: "Le passività monetarie della banca centrale sono passività solo nel nome, in quanto sono irredimibili. Il portatore della valuta non può richiedere la conversione della valuta in nessun altra cosa se non nel uguale importo della valuta stessa". Ecco perché tutti i debiti dovutimi bisogna pagarli in oro piuttosto che in unità monetarie.

 

Traduzione Della Notifica (05 Ottobre 2013) Consegnata Al
PrimoMinistro Della Repubblica Di Croazia (11 Ottobre 2013)

 

Prefazione

 

Riappropriazione della sovranità personale, rigenerazione del diritto di proprietà sulla parte proporzionale della Ex-RSFJ proprietà sociale, risarcimento.

Notifica regolarmente consegnata il giorno 11 ottobre 2013

 

È davvero stupefacente quanto l'ignoranza insistentemente cerca di perfezionare alcuni valori, come la libertà per esempio, che ancora non ha nemmeno iniziato a conoscere. Se c'è qualcosa di sicuro, allora questo sarà il fatto che "l'uomo" non nasce come peccatore. E se la vita è una scuola, allora oggi, al mio 46mo compleanno, riassumo nelle seguenti due constatazioni la lezione più importante che ho mai imparato: Attraverso il processo di creazione del denaro, ai peccatori viene prestato in circolazione, con interessi, assolutamente nulla di tangibile. In paragone con le persone intrappolate in una illusione di libertà , l'uomo veramente libero è prima di tutto un uomo, e soltanto dopo libero.

Portando a metà di quest'anno alla luce le informazioni sulla corruzione nel sistema finanziario mondiale, che ha prodotto tra le altre cose anche una bomba a orologeria di derivati, di oltre quadrilione di dollari (quadrilione = mille trilioni), Karen Hudes - economista e avvocato con esperienza lavorativa presso il servizio giuridico della Banca Mondiale 1986-2007, ha dichiarato: "I banchieri si sono comprati tutti i mezzi di comunicazione per tenere la gente all'oscuro di quello che fanno. Queste banche centrali non sono altro che truffatrici. Loro non hanno nessun diritto di possedere mezzi di comunicazione né di ingannare la cittadinanza. Questi gruppi privati hanno preso il potere senza averne diritto e lo hanno fatto in gran segreto". Ma i cospiratori incappucciati sono davvero la corretta impressione della malvagia logica del sistema? Collegandomi alla diagnosi scioccante fornita dall'ex consulente senior per la Banca Mondiale, attraverso la quale si avverte la moderna civiltà democratica che, dopo secoli e secoli, sorprendentemente, il guasto sulla linea di comunicazione tra gli elettori e i rappresentanti degli elettori è ancora presente, vorrei ricordare un vecchio proverbio: "Mai incolpare la cospirazione per ciò che può essere spiegato con la stupidità. Se cambiano i fatti, allora è necessario cambiare anche il punto di vista".

A giudicare dal Giuramento prestato dal Presidente della Repubblica di Croazia davanti alla Corte Corte Costituzionale, "conforme" all'Articolo 3 della Costituzione Croata secondo cui tutte le comunità religiose sono separate dallo Stato, l'indipendenza sovrana della cosiddetta Repubblica di Croazia risulta assai poco chiara: "Giuro con tutto il mio onore... che Dio mi aiuti".

In epoche antiche, i servi servivano. Poi, dopo i primi incontri con gli Slavi, dallo stabilire con essi i rapporti specifici, sono stati coniati i termini che definiscono una persona che è di proprietà di un'altra persona: "Schiavo" (italiano), "esclave" (francese), "esclavo" (spagnolo) e "slave" (inglese). In quei tempi bui, dalle altezze celesti di Santa Sede, i Papi hanno proclamato la loro giurisdizione su tutto il pianeta. I nuovi autoproclamati proprietari di tutto il mondo hanno poi concesso alle famiglie reali la gestione di gran parte delle loro proprietà. Si dice che la carta in quel periodo era considerata priva di vita nel Vaticano, e si presume che le Bolle Papali originali sono state scritte con l'inchiostro di sangue su pergamena fatta di pelle umana. "UNAM SANCTAM - Noi dichiariamo, stabiliamo, definiamo ed affermiamo che è assolutamente necessario alla salvezza di ogni creatura umana che essa sia sottomessa al Romano Pontefice. ROMANUS PONTIFEX - La Chiesa Universale considera un compito che concerne Dio stesso... invadere, ricercare, catturare, conquistare e soggiogare... tutti i nemici di Cristo, ovunque essi vivano, insieme ai loro regni, ducati, principati, signorie, possedimenti e qualsiasi bene, mobile ed immobile, e di gettarli in schiavitù perpetua, appropriarsi e volgere ad uso e profitto proprio".

Gli enigmi e controversie che circondano il crollo dell'ex Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia certamente non mancano. Esistono veramente tante, tantissime diverse interpretazioni di quell'evento che, guarda caso, coincidono con gli interessi di coloro che le hanno fornite. Le repubbliche si sono separate conformemente alla Costituzione della RSFJ, o no? Se Slovenia, Croazia, Serbia, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Macedonia, sulla base del presunto diritto di secessione e di autodeterminazione sono improvvisamente emerse dal nulla come nuovo-generati chilometri quadrati sovrani, allora perché i loro leader nuovo-proclamati, contrariamente ai principi generalmente accettati, hanno negato questo stesso diritto alla secessione, autodeterminazione e sovranità agli uomini che vivevano su quelle aree geografiche? Con che cosa abbiamo a che fare: Successione, secessione o dissoluzione della SFRJ? Trattasi di una data precisa o di un periodo di tempo? Come si può parlare di Guerra Patriottica Croata se la Repubblica di Croazia non ha mai dichiarato lo stato di guerra?

Anche se a seconda di ogni singolo caso non deve essere sempre così, a volte c'è un profondo abisso tra i termini "valido (legittimo, lawful)" e "legalmente valido". Con questo materiale comprovato con i fatti di natura specifica che non lascia neanche il minimo margine di manovra per qualsiasi dubbio e dilemma - una parte dell'accordo sulla presunta successione dell'ex RSFJ raggiunto tra i presunti Stati successori nelle trattative in cui le più importanti istituzioni politiche e finanziarie globali hanno avuto un ruolo chiave, diventa nulla e non valida.

Dato che non si tratta di creazioni naturali ma artificiose, di cui causa loro complessa sostanza è possibile teorizzare all'infinito, sia in maniera profana che sulla "base scientifica", sulla questione della data di scadenza di idoneità all'uso degli Stati - la maggior parte della gente si soddisfa con formulazione che essi semplicemente appaiono e scompaiono.
Indipendentemente dal fatto che lo Stato rappresenta una immensa collezione di innumerevoli norme e regolamenti, il punto di vista degli esperti, sul processo sopra indicato, non è in grado di offrire le linee guida più chiare e utili. Dal momento che lo Stato rappresenta una creazione artificiale di carattere fittizio, le autorevoli strutture internazionali altamente rispettate, nonostante quasi perfetta accuratezza organizzativa e analitica, rimangono incapaci di definire precisamente nel loro diritto internazionale sia lo Stato stesso, sia il processo della sua "nascita" e "morte" - "omicidio" è meglio neanche accennarlo.

Aziende, edifici residenziali, scorte, risorse naturali, riserve di valuta estera, patrimonio culturale, brevetti protetti, basi e installazioni militari, riserve di oro, ambasciate, strutture agricole e turistiche, strutture scolastiche e sanitarie, strutture commerciali e di ricerca scientifica, vie e strade, mezzi di trasporto... con la cancellazione drammatica ed estremamente violenta della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia dalla sua "esistenza", ognuno per sè i nuovi Stati creati hanno afferrato la proprietà della comunità demolita che si trovava in quei momenti nei nuovo proclamati, presunti loro territori.

Jugoslavia... alcuni la ricordano come malvagia, alcuni per l'istruzione gratuita, alcuni per l'assistenza sanitaria gratuita, mentre a me è invece rimasta in memoria per qualcosa completamente fuori dalla cornice di tutti gli esistenti codici delle leggi e definizioni legali, nonché di tutte le teorie giuridiche in generale. Ossia per qualcosa che rappresenta la base legittima per gran parte del contenuto di questo documento. Ed infatti, pubblicizzando se stessi come i presunti successori legali, cercando di presentare davanti agli occhi del mondo come un atto civilizzato la divisione della proprietà del collettivo liquidato barbaricamente, gli Stati neo-inventati su quell'area geografica si sono scontrati con il fatto scioccante che nella Costituzione della Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia non esisteva il termine "la proprietà dello Stato".

In altre parole, a causa della cosiddetta "proprietà sociale" - esclusivo concetto jugoslavo, unico su tutta la Terra, la situazione attuale è basata su una procedura neanche un pò diversa da quella scandalosa in cui Ponzi salta sulla prima Ferrari che trova, e poi bruciando gli pneumatici nella fuga lancia in faccia al proprietario stupito il presunto testamento di un certo Madoff. O, come lo constata e senza alcun scrupolo spiega Sulejman Tabaković - esperto legale per la privatizzazione e la conversione, con esperienza lavorativa presso l'Ufficio Governativo per gli Affari Generali e presso l'Ufficio del Presidente Croato: "Il fatto che le banche in Croazia sono state derubate durante la guerra significa che si tratta di un crimine di guerra. Nell'anno 2005, il Governatore della Banca Nazionale Croata, Željko Rohatinski, ha consegnato ai Parlamentari il documento in cui si afferma che le banche in Croazia sono state convertite in società per azioni, vale a dire in società a responsabilità limitata (d.o.o.). Egli però non poteva spiegare sulla base di quale legge, perché tale legge non esiste. Poiché lo Stato non era il proprietario delle banche, lo Stato dunque non era in grado di venderle. Lo Stato non poteva vendere le proprietà altrui, osare a sostenere il contrario sarebbe molto sciocco da parte di chiunque. La proprietà non può essere trasformata, i banchieri dimenticano che tutto ciò che esisteva in Jugoslavia era di proprietà sociale. La Guerra Patriottica Croata era in un certo modo, dietro le quinte, il mezzo per derubare i cittadini attraverso le banche. Affermo responsabilmente che l'economia Croata è stata derubata e saccheggiata attraverso la Banca Nazionale Croata e tutte le banche commerciali. Nel momento in cui, tramite l'attivo finanziario, le banche hanno assunto il possesso dell'intero sistema di pagamenti, gli uomini dietro tali banche sono diventati i proprietari della Republica di Croazia".

 

Aljoša da famiglia Đurić
Email: aljosa[at]cromalternativemoney.org
Sabato, 05.10.2013

PRESIDENTE DEL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI CROAZIA
Attualmente Zoran Milanović

Trg Svetog Marka 2, 10000 Zagreb
Email: predsjednik[at]vlada.hr


N O T I F I C A
- RIAPPROPRIAZIONE DELLA SOVRANITÀ -
- RESTITUZIONE DELLA PROPRIETÀ SOTTRATTA - RISARCIMENTO -

Modalità di consegna: Ufficio postale Imola (Italia)
Lettera raccomandata numero RA729202025IT

 

INDICE CONTENUTO::

* Introduzione

* Chi Si Rivolge A Chi E Perchè

* La Repubblica Di Croazia È Una Corporazione?

* Titoli Di Proprietà Fasulli

* Supposizione - Storia Di Partnership Tra Signora Banchiera E Signora Reggentessa

* Eureka - Lo Stato Di Diritto È Basato Sulla Supposizione

* Riappropriazione Della Sovranità

* Rigenerazione Del Diritto Di Proprietà Sulla Parte Proporzionale Della Ex-YU Proprietà Sociale

* Divieto Di Accesso Alla Proprietà Privata

* Risarcimento

* Offerta Di Accordo Alternativo Condizionato

* Allegato 1: Richiesta Al Governo Della Repubblica Di Croazia Per Ottenere Informazioni

* Allegato 2: Richiesta Urgente Al Ministero Dell'Interno Per L'Accertamento Dello Stato Dei Fatti

Nota: Con il dovuto rispetto per gli esseri umani, questa Notifica regolarmente consegnata si riferisce alla parte sopra indirizzata, a tutto ciò che essa rappresenta, a tutti quelli in nome di cui agisce e a tutti gli associati che agiscono in suo nome. Si avverte il destinatario della Notifica del suo dovere di informare i suoi agenti. Spetta al destinatario della Notifica esplorare la sua piena responsabilità personale ai sensi della Legge Naturale Universale, legata alle conseguenze delle proprie azioni spontanee in relazione agli obblighi correnti e le condizioni di cui è cortesemente avvisato tramite rilevamento dei fatti incontestabili, ed inoltre in relazione agli obblighi futuri e potenziali anch'essi creati come conseguenza delle proprie conscie decisioni ragionate. Si avverte il destinatario della Notifica della sua piena responsabilità personale nel caso in cui intraprendesse azioni illegittime contro il mittente - uomo libero e sovrano - incluso arresto, cospirazione, sequestro e danneggiamento dei beni, inflitto di lesioni fisiche e danni finanziari o di qualsiasi altro tipo. La presente Notifica è redatta in due copie pienamente valide e identiche per ciascuna delle due parti.

 

Clicca Qui Per Continuare A Leggere

 

Link correlati:

- Notifica Alla Banca Inerente Richiesta Di Chiarimento