Alternative currency and balanced living system. Alternativna valuta i uravnoteženi životni sistem. Moneta alternativa e sistema di vita equilibrato.

Linija

Search

Home Forum
Welcome, Guest
Username Password: Remember me
  • Page:
  • 1

TOPIC: Popolo Della Madre Terra Aiuta Un Uomo Libero Nel Tribunale

Popolo Della Madre Terra Aiuta Un Uomo Libero Nel Tribunale 3 years, 11 months ago #3079

Popolo Della Madre Terra Aiuta Un Uomo Libero Nel Tribunale

Arresto in flagranza di reato per il "Giudice" Silvia Varotto (attualmente latitante)




Delirio in tribunale, i “sovranisti" presidiano l’udienza


RovigoOggi, 2 novembre 2015

A un certo punto il giudice è stato dichiarato in arresto dall'imputato. Intanto l'avvocato difensore (senza toga) preferiva non interrogare i testimoni nel processo a carico del suo assistito, sulla base di un mancato riconoscimento della sovranità dello Stato e di conseguenza della giurisdizione del Tribunale. In aula anche una folta rappresentanza di cosiddetti "sovranisti", pronti a sostenere l'imputato. Una udienza presidiata da polizia (in divisa e in borghese), carabinieri e persino polizia locale. Un testimone è stato identificato, ci sono stati attimi di tensione.


Rovigo - Il giudice Silvia Varotto a un certo punto si è sentita anche dichiarare in arresto da parte dell'imputato. D. D. 43enne di Porto Tolle a processo per evasione dai domiciliari, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Domiciliari ai quali era finito in seguito a un arresto operato dai poliziotti del locale commissariato, che gli contestavano la coltivazione di decine di piante di marijuana nel suo orto (leggi articolo).

Lo stesso 43enne aveva a più riprese ribadito di non essere colui che l'accusa sosteneva fosse, contestando il suo certificato di nascita, ripetendo che quella che si stava consumando in aula era una frode, che il giudice lo stava costringendo a dire il falso, che lui non era di proprietà di nessuno, ma un uomo fatto di "carne, sangue e spirito". Già nel corso dell'udienza di convalida si era dichiarato prigioniero di guerra, dal momento che non riconosce la sovranità dello Stato. Una posizione evidentemente condivisa anche dal suo avvocato, del foro di Udine, che sulla base di presupposti simili ha ritenuto di non porre domande ai testimoni che sono sfilati nel corso del processo.

Il tutto alla presenza di oltre una ventina di sostenitori di queste posizioni, cosiddetti "sovranisti", che non hanno mancato di sostenere l'imputato e invitarlo a ribadire le proprie dichiarazioni. Quando uno di loro, al momento della lettura della sentenza, ha interloquito direttamente col giudice, contestando il suo operato, è stato fatto allontanare e successivamente identificato dalla polizia. Il che - ovviamente - non equivale a conseguenze di alcun tipo. Tutto lo svolgimento dell'udienza è stato registrato dalla polizia scientifica, a testimonianza di come non fosse un processo come gli altri.

Molto nutrita del resto la presenza delle forze dell'ordine: almeno quattro poliziotti in divisa, altrettanti in borghese, tre carabinieri, una pattuglia della polizia locale di Rovigo, i quattro poliziotti della penitenziaria che hanno accompagnato l'imputato. Alla fine la sentenza del giudice è comunque stata una parziale vittoria per la difesa: dei tre capi di imputazione infatti unicamente uno ha retto. Quello di evasione, per il quale il giudice ha letto una sentenza di condanna a otto mesi, subito sospesi.

Assoluzione piena invece per quanto riguarda l'ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale. Più complesso, ma comunque con il medesimo risultato, il ragionamento per quanto concerne l'accusa di lesioni. Il giudice ha ritenuto di riqualificarle in percosse e, dal momento che nessuno dei poliziotti presunti vittime di questo comportamento aveva presentato querela, dichiarare il reato improcedibile.

Ben più dure erano state le richieste del pubblico ministero Claudia Favaretti, rappresentante dell'accusa. Al termine dell'accusa l'imputato ha chiesto ripetutamente di potere parlare ancora col giudice, nonostante il dibattimento si fosse chiuso.
Last Edit: 3 years, 11 months ago by administrator.
  • Page:
  • 1
Time to create page: 0.16 seconds